Ways of seeing | Questione di sguardi
DEVELOPING UNIVERSAL ISSUES, DEPARTING FROM INDIVIDUAL STORIES | SVILUPPARE TEMATICHE UNIVERSALI PARTENDO DA PUNTI DI VISTA PARTICOLARI

Audioimage is an independent production company dedicated to th develpment and production of documentaries and art films that encourages international and border co-productions.

The company pursues the aim of developing universal issues, departing from individual stories. It wishes to combine a creative approach with  the necessity to question in a responsible and rigorous manner the current hot topics.

 

Audioimage è una società di produzione indipendente che si consacra principalmente allo sviluppo e alla realizzazione di documentari di creazione, con una particolare attenzione alle co-produzioni internazionali.

L’ambizione della società è quella di sviluppare tematiche universali partendo da punti di vista particolari, coniugando un approccio creativo alla necessità di interrogarsi in modo rigoroso e responsabile sulle grandi questioni del nostro tempo.

PRODUCTS
In development
  • FEATURE DOC, IN DEVELOPMENT
    In Paris, the dancer and actress Yana Maizal stages dance performances telling stories of political refugees. Born in Leningrad in the 1960s, she emigrated to Canada with her family to escape the Soviet regime and the gulag. Now, Yana uses her experience to work with others who have escaped from...
  • FEATURE DOC, IN DEVELOPMENT
    A small Malagasy village is suddenly forbidden access to the forest that allows it to survive. The ban is imposed by a multinational company in the name of a biodiversity compensation project. The village chief begins a tough struggle to fight for his community. Alla popolazione di un piccolo villaggio...
PHOTO
Gallery

“The relation between what we see and what we know is never settled.

Each evening we see the sun set. We know that the earth is turning away from it.

Yet the knowledge, the explanation, never quite fits the sight.”

John Berger

[Lucciole per lanterne] Un documentario politico che non rinuncia alla poesia delle immagini per raccontare le storie, i volti e le speranze della nuova (r)esistenza cilena.

www.ilfattoquotidiano.it

FRANCESCA ROLANDI

Il fatto che nella cooperativa lavorino insieme donne serbe e musulmane passa in secondo piano, mentre il vero miracolo, sembra emergere dal documentario, è che molte persone lavorino dignitosamente insieme dove prima non c’era nulla

qcodemag.it

CARMEN ALBERGO

Mario e Stefano Martone recuperano in modo “esemplare” l’eredità pasoliniana (come vorrebbe la teoria todoroviana di una Memoria come Exeplum, chiave di lettura del presente, anziché ripiegamento sul passato e che muova ad abbandonare uno status esclusivo di vittima per guardare piuttosto all’altro da sé) per scovare dietro le contingenze della sconfitta delle minoranze cilene, dei barlumi di resistenza, certo sommersa e addolorata, ma ancora vigile.

pointblank.it

DERT
La storia della cooperativa agricola Insieme e dell’amicizia che l’ha resa possibile, quella tra Rada, Skender e Mario...
Lucciole per lanterne
Nel 1981 Pinochet privatizza la quasi totalità delle risorse idriche in Cile. Nei trent’anni successivi i diritti per lo sfruttamento dell’acqua vengono ceduti a imprese nazionali e multinazionali interessate a produrre energia idroelettrica.
Danno assicurato
Le Assicurazioni Generali investono nelle centrali di carbone, altamente inquinanti, nella Boemia del nord, a dispetto delle dichiarazione di facciata.
L'anima nera dell'Italia
Il governo italiano dichiara pubblicamente la sua contrarietà alle politiche energetiche basate sull'utilizzo del carbone, ma la realtà è ben altra.